Chi è online

 18 visitatori online

UNICITA'


 

Sono costruzioni esclusive della civiltà egizia e circoscritte al periodo che abbraccia il III e il II millennio, dalla III alla XII Dinastia.

Da sempre annoverate tra le Sette Meraviglie del mondo, conservano inalterato il fascino discendente dalle sue particolarità, uniche,di

tipo storico, architettonico, scenografico, astronomico, religioso, magico e misterico.

Tra tali elementi costitutivi esiste una profonda interconnessione, anzi una fusione, tanto da non potersi distinguere dove termini l'uno e inizi l'altro. Siffatta fusione diviene ulteriore raro merito dell'opera, ciononostante qui di seguito si richiamano separatamente le componenti al solo scopo di renderne più agevole la presentazione.

Le piramidi egizie non erano concepite come tombe né mausolei ma come mezzo e traccia della ascesa all'immortalità e alla divinizzazione.

La sigillatura degli ingressi dopo i riti funebri confermava o sottolineava la cessazione dei rapporti del faraone con gli umani e con la vita terrena.

Restavano accessibili ai sacerdoti i Templi sacrificali per i riti e la consegna delle ci- barie.

Altre piramidi ma non contenenti sepolture, con fianchi diversamente gradonati e con tempietti rituali sulla sommità, erano costruite dalle Civiltà Precolombiane.

 

joomla template