Chi è online

 92 visitatori online

CAMERE


 

L'apparente nudità delle piramidi potrebbe far pensare ad una elementarità costruttiva o rituale, viceversa quelle opere erano notevolmente articolate al loro interno ed al loro esterno.

La piramide di Cheope, tra quelle meglio conservate, mostra nelle sue viscere due camere sepolcrali provvisorie ed una definitiva. Vanta camere di scarico per contenere le enormi spinte statiche. È provvista di galleria per passaggi aperti e per passaggi segreti (ed altri forse ancora ignoti).

Alle camere sepolcrali si accedeva con corridoi e cunicoli a forte pendenza che connettevano anche ad altri locali esterni alle piramidi, non si sa se transiti di servizio o di speciale riservatezza rituale o addirittura di accesso a vere autentiche altre camere sepolcrali mimetizzate nell’intorno.

L’insospettabilità della varietà edilizia interna (pur sempre sobria) rispetto alla nudità esterna è espressiva della vivezza e segretezza dell'operato dei sacerdoti soprattutto relativamente ai rituali funebri.

Le camere sepolcrali ospitavano le segretissime operazioni di imbalsamazione e di mummificazione che richiedevano gruppi di esperti e vasti spazi per le attrezzature e i materiali, al riparo da occhi indiscreti, da perturbazioni climatiche e da inquinamenti di polveri e batteri dell'aria esterna.

Tutte le architetture umane quando non siano opere infrastrutturali come le mura, le strade, i ponti, gli acquedotti e simili, hanno una vivibilità interna; le murature occupano circa un 20% dei volumi complessivi. Nelle costruzioni moderne i “vuoti” interni di case, uffici, chiese, tombe comprese, beneficiano del 90% del volume.

Nelle piramidi egizie i “vuoti” interni riservati alla praticabilità umana sono circoscritti ai soli pochi giorni richiesti dai rituali funebri. Le piramidi egizie si caratterizzano anche per il basso rapporto del volume vuoto interno (solo circa il 5%) rispetto al volume totale (ved. cap. ARCHITETTURA) dando la prevalenza alle strutture che assicurino la stabilità e l'inviolabilità della tomba. Nelle CATTEDRALI GOTICHE il volume vuoto interno supera il 90% del volume costruito totale.

L’interno della piramide di Cheope ospita angusti passaggi e tre camere sepolcrali, fornite di sobrie decorazioni e preziosi testi sacri.

All'interno delle piramidi erano gelosamente custoditi i Libri dei Morti, veri compendi di agiografie e prontuari rituali.

 

      CAMERA FUNERARIA DI CHEFREN

        CAMERA FUNERARIA DI MICERINO

 

 

 

joomla template