Chi è online

 34 visitatori online

DUOMO DI MILANO


Milano fu l'autentica culla storica del Cristianesimo in Europa. Da capitale dell' Impero Romano d'Occidente aveva accentrato il potere politico consentendo a Costantino di promulgare il famoso "Editto di Milano" che approvava ufficialmente il culto cristiano prima perseguitato dai Romani.

Già nel IV secolo si era costruita la Basilica di San Lorenzo e, dal IV al XII, quella di Sant'Ambrogio.

La costruzione del Duomo, in marmo di Candoglia, partì nel 1386 prendendo a riferimento le grandi Cattedrali d'Oltralpe ma nel rispetto dei canoni romanici locali espressi dalla consistenza della larghezza delle navate rispetto alla già notevole lunghezza (metri 157), nelle colonne spezzate da capitelli con nicchie e statue, nella copertura continua a capanna delle navate laterali (conferma architettonica dello schema della Basilica di Sant'Ambrogio).

Furono chiamati a collaborare tutti i più grandi architetti e scultori d'Europa, compresi Bramante e Leonardo.

La grande massa compatta (metri quadri 11.700) slancia i pinnacoli in ariose sinfonie. L'abside poligonale pur essendo il corpo più antico è segnato da esili colonnine e ampie vetrate.

La guglia centrale con la Madonnina dorata (supera i 108 metri di altezza), poi assurta al simbolo della città, fu innalzata nella seconda metà del 1700.

La facciata iniziata nei primi anni del 1600 fu conclusa per volere di Napoleone ai primi del 1800.


 

joomla template