Chi è online

 16 visitatori online

CIRO (600 - 529 a.C.)


 

Ciro II, detto il Grande (600-529 a.C.), fondò l'Impero Persiano, acquistando tutti i titoli reali della Mesopotamia e dell'Asia minore. Dopo la conquista di Babilonia si autoproclamò Re dell'Universo e permise il rientro degli Ebrei in Palestina.

La sua tomba è un sacello di 14 x 12 metri, alto m 11, sobrio e solenne, innalzato sopra una doppia gradonata in pietra, alta  m 5, che ripete il tipo delle Ziqqurat.

Il corpo principale contiene due celle di m 2 per m 3 e di altezza di metri 2, in grossi blocchi lapidei. Una sala conteneva il sarcofago d'oro con le sue spoglie, i suoi gioielli e il suo mantello, che ispirava particolari rituali religiosi.

Fascino e abilità del conquistatore sono tutt'oggi confermati dal rispetto della sua tomba. Essa sopravvisse alle profanazioni e perfino alle devastazioni di Alessandro Magno forse perché lo stesso Ciro vi aveva fatto scrivere: "Ho lottato per conquistare e regalare un grande Impero ai Persiani. Mi sono meritato questa tomba”.

Al tempo dell'Islam ha assunto la denominazione di Moschea della Madre di Salomone.

File:CyrustheGreatTomb 22057.jpg


 

 

joomla template