Chi è online

 62 visitatori online

WILLIAM SHAKESPEARE (1564 -1616)


Autore delle opere drammaturgiche più svariate che hanno studiato e rappresentato i comportamenti umani dal tragico al patetico all'amaro al comico, mostrati separatamente o talvolta compresenti all'interno di una stessa singola opera.

La ridotta varietà scenica dell'epoca trovava il giusto contraltare nella fittezza del dialogo, raffinato e brillante, dell'autore; i personaggi esprimono carattere e ceto sociale non solo nei contenuti dell'eloquio ma, originalmente, nei modi del linguaggio.

Il suo teatro non punta tanto all'esaltazione dei buoni sentimenti quanto a rappresentare l'intera gamma dei sentimenti stessi: l'ignominia, la violenza, la malvagità, hanno gli stessi diritti estetici della bontà, del perdono e del coraggio cavalleresco. Shakespeare ha rappresentato con pari dedizione le azioni di re, mercanti, guerrieri, come anche di prostitute, di vigliacchi, di criminali e di emarginati.

I suoi mille personaggi hanno via via scandagliato le normalità umane e gli eccessi e le aspirazioni umane, dall’auto-esaltazione alla depressione. Forse nell'ultima opera, la "Tempesta", violenza e sofferenza sono esorcizzate dalla saggezza e dalla grazia.

La sua tomba è accolta nella chiesa della Santa Trinità a Stratford-Upon-Avon, suo luogo di nascita.

Mancando del tutto le notizie anagrafiche della giovinezza di Shakespeare, sono state avanzate numerose e documentate ipotesi sulle sue origini.

Le più accreditate dichiarano i suoi natali italiani.

Questo aggiungerebbe merito a merito perché accrescerebbe l’ammirazione per lui, uno dei padri della lingua inglese, semmai fosse stato davvero di diversa madre lingua.

 

 

Tomba di Shakespeare (Stratford-Upon-Avon)


 

 

joomla template