Chi è online

 79 visitatori online

L' UNIVERSO PER LA SCIENZA


 

Da sempre le Religioni hanno fornito dettagliate, sia pure dissimili, interpretazioni della nascita dell’Universo (vedere successiva scheda ORIGINI NELLE RELIGIONI). Viceversa la Scienza trova insormontabili difficoltà ad ottenere dimostrazioni di qualsivoglia teoria a causa della impossibilità di verifiche causate dalle dimensioni del problema e dalla lontananza dei tempi che impediscono la ripetibilità delle osservazioni, oltre alla difficoltà di ricreare condizioni simili per credibili esperimenti di laboratorio.

Nell’ antichità si credeva che la Terra costituisse l’Universo e che il Cielo visibile le appartenesse e le ruotasse intorno.

L’apparente girare del Sole e delle stelle  intorno alla Terra aveva fatto credere che questa fosse il centro dell’Universo.

Il greco Aristarco di Samo nel III sec. a.C. aveva affermato che fosse invece la Terra a girare intorno al Sole ma venne messo a tacere dai filosofi ed astronomi del tempo. La allora vigente teoria del geocentrismo, poi sistematicamente esposta da Tolomeo nel II sec. d.C. restò incontrastata fino alla rivoluzione operata da Copernico che nel XVI sec. dimostrò la sua teoria eliocentrica che correttamente mette il Sole al centro del nostro Sistema e vede la Terra, la Luna e gli altri pianeti girare intorno al Sole. Keplero, Galilei e Newton, ne perfezionarono le formulazioni valide tutt’oggi.

Nel 1785 William Herschel chiarì che la Via Lattea è la Galassia che ci ospita. Solo nel 1922 Jacobus Kapteyn dimostrò che il Sole non ne occupa il centro ma solo una posizione semiperiferica. Si continuava a credere che la nostra Galassia condensasse l’intero Universo finché nel 1924 Edwin Hubble comprovò la presenza di altre Galassie, come quella di Andromeda, esterne alla nostra. Nel 1929 lo stesso Hubble dimostrò che l’Universo è in espansione. Negli stessi anni Albert Einstein calcolò che anche un Universo infinitamente grande tende a collassare.

In passato si sosteneva che l’Universo fosse immutabile ed eterno. Proporne una nascita significava incontrare altro ostacolo insormontabile costituito dall’impossibilità di rispondere alla domanda su come fosse prima della nascita e chi o cosa l’avesse modificato.

Per la Scienza l’Universo si è formato per vicende naturali, oggi credibilmente ipotizzate, a partire dalla esplosione cosmica detta Big Bang. Questa si sarebbe verificata circa 14 miliardi di anni fa generando il mondo attuale in rapida espansione e raffreddamento.

Secondo Fred Hoyle, con studi del 1948, varrebbe invece la teoria detta dello Stato Stazionario, consistente in un Universo eterno in espansione, con diluizione della materia e con continua formazione spontanea di nuove particelle.

Altra riserva sulla teoria del Big Bang nasce dalle osservazioni degli anni 1990 che rilevano non un rallentamento bensì una accelerazione dell’espansione, causata da una misteriosa ‘energia oscura’.

 


 

 

 

joomla template