Chi è online

 44 visitatori online

L'INDIVIDUO


All’interno di qualsivoglia specie vivente il singolo esponente è un esemplare completo, unico, irripetibile nella sua piena identità. Nel genere umano il singolo individuo ancor più si distingue perché alle diversificazioni somatiche aggiunge precipui caratteri psichici che arricchiscono la sua sfera emotiva e i suoi collegamenti sociali.

La singola persona umana stabilisce relazioni di famiglia e di gruppo, anch’esse tutte identicamente irripetibili e tutte soggette a trasformazioni nel tempo e nel luogo, che determinano la ulteriore peculiarità del singolo.

L’accezione etimologica di individuo derivante da indivisibile è da riferirsi non alle sue componenti organiche quanto alla completezza dei suoi caratteri fisici e psichici che formano l’unità ossia la personalità dell’individuo.

Anche per la biologia l’individuo è una unità completa e complessa formante un esemplare di essere vivente che non sarebbe tale se si procedesse ad altre divisibilità. Le parti componenti di un individuo sono interdipendenti; se prese in sé separatamente formano aridi organi non organismi. Motore, carburatore, carburante, telaio, trasmissione, ruote, comandi meccanici, restano tali se presi da soli e in quanto parti meccaniche possono funzionare anche separatamente, formano però una automobile se opportunamente intercollegati. Calice, corolla, pistillo, stame, non potrebbero nemmeno sopravvivere se presi isolatamente invece legati magicamente tra loro dànno vita ad un fiore.

Il singolo uomo, molto più di altri esseri viventi, è sensibile alle trasformazioni naturali del tempo e del luogo ed ancor più agli stimoli derivanti dalla famiglia e dalla società poiché, prima ancora di acquisire proprie esperienze dirette, apprende dall’esempio e dagli insegnamenti altrui.

Ogni singolo individuo rientra nella fusione con il gruppo di appartenenza, è legato ai progenitori ed agganciato alle future discendenze.

Così come non è scomponibile, l’individuo umano come altri esseri viventi è viceversa aggregabile in numerose unità di suoi simili che dànno vita a gruppi di distinta capacità operativa  materiale o culturale o spirituale di diversa identità. L’uomo è da sempre caratterizzato dalla spontanea tendenza all’associazione familiare e sociale che ha condotto alla moltiplicazione dei benefici del momento e delle generazioni successive, attraverso la trasmissione ereditaria delle acquisizioni.

Ogni singolo uomo gode di tanta ricchezza interiore da goderla come mondo vasto e apparentemente completo che può spingerlo a ritenersi principale od unico benefattore e beneficiario del mondo stesso. Solo l’esperienza e il confronto insegnano le compatibilità e i confini tra l’egoismo e l’altruismo. Dalle differenti interpretazioni date alla ricerca dell’armonia tra il singolo e il gruppo, scaturiscono le sfumate dottrine sociali e spirituali.

Dal rapporto tra due o più persone deriva la metamorfosi interiore di almeno una delle persone coinvolte: se ne possono ottenere evoluzioni individuali o di gruppo, convergenti o divergenti, armoniose o conflittuali.

Ogni individuo, pur ricco e completo nella propria storia e nelle proprie capacità, discende da altri individui generatori che hanno trasmesso il condensato delle evoluzioni umane. L’unicità del singolo lo colloca in cima alla scala delle priorità dei beni da preservare in quanto diverso ed irripetibile. La sua preziosità abbraccia la sacralità materiale e spirituale.

La natura prevede che per cibarsene, un animale uccida un altro animale ma non della stessa specie. Purtroppo la natura permette anche che un animale uccida un simile per sopravvivere, come nelle lotte per la conquista della femmina o del cibo o del territorio. Esteso ai comportamenti umani tale permesso autorizzerebbe ad uccidere i simili per analoghe lotte di conquista.  

Nella diversità dei singoli individui non si possono tracciare scale di valori se non arbitrarie perché suscettibili di fallacità soggettive o momentanee, per questo comunemente si riconosce uguaglianza di dignità e di diritti a tutti gli individui e, nelle società più evolute, a qualsivoglia individuo o gruppo si nega il diritto di vita e di morte su altre persone.


 

 

joomla template