Chi è online

 93 visitatori online

REINCARNAZIONE


[...] La credenza che un morto possa tornare a vivere in un nuovo corpo è largamente diffusa anche presso i popoli cosiddetti primitivi [...]. Essa può anche occupare un posto fondamentale nella visione religiosa di un popolo, come per esempio presso gli agricoltori autoctoni del Sudan, per i quali i morti rinascono regolarmente nell’ambito della stirpe. [...] Benchè Erodoto attribuisca l’idea della reincarnazione agli antichi egiziani, i vaghi accenni dei testi egiziani non bastano per dedurne una fede nella reincarnazione vera e propria. Ugualmente di dubbio valore sono le affermazioni degli autori antichi intorno alle credenze relative dei Galli e dei Germani.

     Gli autori classici ricavano la nozione della reincarnazione da una delle poche religioni in cui essa abbia assunto una forma sistematica, la religione greca [...].

     Si trattava  [...] di una dottrina peculiare all’orfismo, che fece presa sui filosofi (Pitagora, Empedocle, Platone, ecc.) e sui poeti (Pindaro). La dottrina orfica della reincarnazione partiva dalla tesi della natura divina dell’anima umana, che solo in seguito a un peccato originale si troverebbe rinchiusa nella prigione del corpo e costretta a percorrere un “ciclo delle rinascite” prima di riacquistare la propria purezza e tornare quindi a un’esistenza divina. Questa dottrina ammetteva che l’anima potesse vivere anche in corpi di animali (onde la proibizione orfico-pitagorica di mangiare carne) e perfino in piante.

     Mentre in Grecia la credenza della reincarnazione era limitata a una piccola minoranza, in India essa è diffusa presso larghe masse della popolazione. Anche qui l’origine della credenza è dubbia; i Veda non la conoscono affatto; i primi accenni si trovano nella letteratura brahmanica. [...]

     Nelle Upànisad si presenta il concetto del karman, per cui non solo le rinascite, ma anche il destino delle singole vite sono irrevocabilmente determinati dalle azioni compiute nelle vite precedenti. [...]

     Nel Jainismo, la reincarnazione ha una parte determinante. Nel moderno movimento teosofico e nello spiritismo è inclusa la credenza nella reincarnazione, come ritorno periodico sulla terra, in nuove incorporazioni, delle anime dopo un loro temporaneo  soggiorno nell’aldilà.

     Gli spiritisti a sostegno di essa recano argomenti quali: certi fenomeni premonitori in sogno o in trance; il presunto riconoscimento, da parte di bambini o di adulti, di persone e luoghi attinenti a una“incarnazione” precedente; l’apparente regressione a periodi prenatali, effettuata da soggetti in ipnosi.

 


(dalla P. Treccani)

   

 

joomla template